+39 0171 411527 info@europietre.it

Cordolo in pietra per marciapiede: cosa dice la normativa

blog-img

Cordolo in pietra per marciapiede: cosa dice la normativa

isola-di-traffico-in-granito

I cordoli in pietra per marciapiede sono certamente una della scelte migliori per arredo urbano grazie non solo alla durata della pietra, ma anche alla bellezza che rende il marciapiede decisamente più bello ed adeguato soprattutto ai centri storici.

Il cordolo però, che sia in pietra o cemento, deve sottostare a determinate direttive e rispondere alla normativa nazionale in base a come vengono progettati gli attraversamenti pedonali.

Stringendo ai minimi termini possiamo dire che per quanto riguarda la progettazione preliminare bisogna fare attenzione a 4 parametri in particolare considerandoli dei veri e propri obiettivi da raggiungere a fine progetto:

  • accessibilità comfort e sicurezza per i pedoni
  • percepibilità (si deve capire che lì c’è un attraversamento perdonale, anche grazie alla segnaletica)
  • riduzione della velocità (tramite dissuasori o segnaletica adeguata o l’uso di isole di traffico)
  • aumento visibilità sia per pedoni che autisti.

L’accessibilità è forse quella che ci riguarda più da vicino: bisogna fare attenzione alla tipologia di pavimentazione in modo che non si rilevino scalini pericolosi che possono indurre in incidente pedoni o autisti. Inoltre non possiamo dimenticare l’eliminazione delle barriere architettoniche e la messa in opera di tutte le attrezzature necessarie per garantire la continuità dell’attraversamento. Ad esempio: spesso capita di vedere scivoli per disabili in prossimità non delle strisce pedonali, ma erroneamente in luoghi della carreggiata dove non si dovrebbe attraversare. Sembra una banalità, ma si vedono di questi problemi in molte città italiane (purtroppo).

La percepibilità dell’attraversamento pedonale consiste nel progettare forma dimensione e collocazione degli attraversamenti in base all’integrazione con la strada e le varie funzioni locali. Fa parte di questa fase progettuale anche la scelta della cadenza degli attraversamenti (numero di attraversamenti e distanza tra essi).

Per quanto riguarda la riduzione della velocità dei mezzi in transito, è bene, a seconda del tipo di strada (alto, medio o basso traffico) prevedere l’installazione di isole di traffico, magari anch’esse con cordolo in pietra, come quelle magistralmente realizzate da EuroPietre.

spartitraffico-pietra

Anche l’aumento visibilità di entrambi le parti si ottiene sempre con l’uso di particolari infrastrutture, tra cui le isole pedonali come nel caso precedente. Da non dimenticare la posizione dei parcheggi: allontanare la posizione dei parcheggi delle auto dagli attraversamenti pedonali migliora certamente la visibilità sia degli automobilisti che dei pedoni.

Ricordiamo che non esistono regole base per la progettazione di un attraversamento pedonale, ma ci si deve sempre riferire ai singoli casi considerando sia la quantità di traffico veicolare che pedonale.

Articoli correlati

I cordoli in pietra sono bellissimi e soprattutto molto resistenti. Disponibili in diverse finiture e misure, possono avere dei richiami catarifrangenti per garantire la massima sicurezza, qualora vengano utilizzati nelle isole spartitraffico o nelle rotonde stradali.  Ma i suoi utilizzi sono molteplici: possono infatti essere utilizzati per le strade e quindi per delimitare determinate zone, ma anche nei […]

Cosa sono i dissuasori? Regolamentati dall’art. 42 del Codice della Strada, i dissuasori sono dei dispositivi fissi o rimovibili, atti a impedire la sosta o il passaggio dei mezzi. Possono essere utilizzati anche per delimitare aiuole o aree pedonali, limitare aree verdi o zone private. In questo ultimo caso è il proprietario che deve farne richiesta […]

Leave a comments