+39 0171 411527 info@europietre.it

Cubetti in pietra: la posa a coda di pavone

blog-img

Cubetti in pietra: la posa a coda di pavone

Stai pensando ad un’idea per pavimentare i vialetti d’ingresso della tua casa, coniugando tradizione e modernità in perfetta armonia? L’arredo esterno è quella parte importante di una casa che fa riconoscere il buon gusto e la cura del dettaglio con cui la costruzione è stata realizzata.
Ti sarà capitato spesso di vedere cortili privati, marciapiedi e piazzole impreziosite da pavimentazioni realizzate con cubetti di pietra in varie forme, colori e stili di posa.
Talvolta avrai notato che essi sono disposti in modo da comporre forme geometriche semplici, quali quadrati o rettangoli, ma una fra le modalità di posa più particolare e richiesta è la posa a coda di pavone.
Essa consiste nella disposizione dei cubetti di pietra o di altro materiale idoneo, fra i quali:
– il marmo
– il porfido
– il granito
– il basalto
in modo da formare una serie di settori di cerchio concentrici (archi) di ampiezza decrescente man mano che, dall’esterno, essi si avvicinano verso il centro.
Il loro effetto è proprio quello degli ocelli colorati presenti sulla coda del pavone, disposti sulle piume che il volatile apre a ventaglio per… farsi notare.
Questa disposizione dà origine ad una sorta di ventaglio che costituirà il modulo-tipo della pavimentazione.

La posa in opera dei moduli è relativamente semplice. Il principio si basa sulla formazione di incastro sfalsato, vale a dire un modulo affiancato all’altro ma distaccato quanto basta ad inserirvi la parte più stretta del modulo che apparterrà alla linea successiva. Così facendo, i moduli di una linea andranno a combaciare con quelli della linea precedente incastonandosi fra di essi. Il risultato finale è davvero di grande effetto estetico e può svilupparsi all’infinito.

Volendo conferire un’ulteriore particolarità al lavoro, puoi utilizzare cubetti in pietra di diverso colore per comporre i settori di cerchio (o archi, se preferisci…). Ad esempio, puoi utilizzare una pietra di colore più scuro, come ad esempio il basalto, o un marmo rossastro, tipo il Rosso Verona, per comporre l’arco più esterno del modulo (quello più lungo, per intenderci) e completare i settori successivi con la pietra calcarea chiara. Oppure utilizzare cubetti tutti dello stesso colore ma di dimensione diversa, per esempio facendo il secondo arco con elementi più piccoli rispetto a quelli che compongono il primo, il terzo, il quarto e così via. Entrambe le alternative ti permetteranno di creare un motivo decorativo che si ripete fra i moduli.

La posa di una pavimentazione in cubetti in pietra con il sistema a coda di pavone può avvenire a secco su letto di sabbia, utilizzando cubetti di spessore 5-7 cm. e riempiendo i giunti sempre con sabbia, avendo cura di compattare perfettamente sia il piano di posa, sia i moduli posti in opera su di esso.

Come prima cosa, dovrai fare una distinzione fra pavimentazione da adibire a traffico pedonale, a traffico veicolare leggero ed occasionale o traffico veicolare intenso. Questa identificazione ti servirà a progettare e realizzare nel modo giusto una pavimentazione sicuramente bella e di effetto, ma sufficientemente stabile e solida, limitandoti a ciò che ti serve veramente per non eccedere con la spesa. Sarebbe uno spreco, infatti, andare a realizzare una pavimentazione posata su una struttura portante in cemento armato di considerevole spessore, rinforzata con armature in acciaio a grosso diametro, se poi i tuoi vialetti serviranno per passeggiarvi a piedi o in bici.

Articoli correlati

Cosa sono i dissuasori? Regolamentati dall’art. 42 del Codice della Strada, i dissuasori sono dei dispositivi fissi o rimovibili, atti a impedire la sosta o il passaggio dei mezzi. Possono essere utilizzati anche per delimitare aiuole o aree pedonali, limitare aree verdi o zone private. In questo ultimo caso è il proprietario che deve farne richiesta […]

Le lastre in pietra naturale possono essere impiegate sia per le pavimentazioni interne che per quelle esterne. In base alla destinazione d’uso cambia il tipo di lavorazione proprio perché occorre soddisfare esigenze diverse. Ad esempio per gli ambienti outdoor sono preferibili superfici scabrose e ruvide in quanto sono antiscivolo e quindi permettono al piede di […]

Leave a comments