+39 0171 411527 info@europietre.it

Granito: la roccia dai grandi cristalli

blog-img

Granito: la roccia dai grandi cristalli

granito

Il granito è una rocca eruttiva che affiora dalla crosta terreste. La struttura è creata da cristalli di dimensioni importanti di origine magmatica. La composizione prevede un alta percentuale di ortoclasio, quarzo e mica. L’ortoclasio è un silicato di alluminio e potassio e si presenta in color bianco o rosato. Ha la caratteristica di sfaldarsi secondo il piano ortogonale. Il quarzo è invece costituito da biossido di silicio ed è incolore se completamente puro o altrimenti lievemente colorato, in particolare rosato. La mica indica un gruppo di minerali di origine eruttiva, metamorfica o sedimentaria, costituiti da metalli alcalini che si sfaldano in sottili lamine leggermente flessibili.

Esistono tre tipi diversi di classificazione dei graniti: alfabetica, Pitcher e Pearce.

Classificazione alfabetica

Secondo questa classificazione i graniti si dividono in:

  • I-graniti, derivati da rocce ignee
  • S-graniti, derivanti da rocce sedimentarie o metamorfiche
  • M-graniti, derivanti da cristallizzazione frazionata
  • A-graniti, derivanti dall’interazione con la parte inferiore della crosta.

La Classificazione di Pitcher divide invece i graniti secondo tre grandi classi:

  • Andinotipi di origini calacaline, tipici delle Ande
  • Calendoliani di origine plutonismo breve e intenso
  • S-ercinotipi che, come le precedenti sono di origine plutonica breve e intensa, ma con presenza di muscovite.

Classificazione di Pearce

La classificazione di J.A. Pearce tiene conto della concentrazione degli elementi in tracce i quali non influiscono direttamente sulle proprietà fisiche.

Il granito è molto diffuso nella nostra penisola: ne è ricco il Gennargentu, così come l’Aspromonte e la Sila. A nord lo troviamo nell’arcipelago toscano e in provincia di Grosseto. È di granito il Monte Bianco, il Monte Rosa e il Gran Paradiso. I colori tipici sono molto variabili sulla scala del rosa, del violaceo e del grigio. La principale caratteristica del granito è la durezza: resiste molto bene all’usura e agli agenti atmosferici ed ha un elevato carico di rottura, proprio queste caratteristiche fisiche lo rendo un materiale perfetto, ad esempio, per la costruzione dei marciapiedi o per la pavimentazione. In Italia si usano in particolare cordoli e cubetti in granito per pavimentazione.

Photo Credit

Articoli correlati

Cosa sono i dissuasori? Regolamentati dall’art. 42 del Codice della Strada, i dissuasori sono dei dispositivi fissi o rimovibili, atti a impedire la sosta o il passaggio dei mezzi. Possono essere utilizzati anche per delimitare aiuole o aree pedonali, limitare aree verdi o zone private. In questo ultimo caso è il proprietario che deve farne richiesta […]

Le lastre in pietra naturale possono essere impiegate sia per le pavimentazioni interne che per quelle esterne. In base alla destinazione d’uso cambia il tipo di lavorazione proprio perché occorre soddisfare esigenze diverse. Ad esempio per gli ambienti outdoor sono preferibili superfici scabrose e ruvide in quanto sono antiscivolo e quindi permettono al piede di […]

Leave a comments